dcsimg
false
Toolbox

Distribuzione di prodotti petroliferi

Nel 2012 le vendite di prodotti petroliferi (48,33 milioni di tonnellate) sono aumentate di 3,31 milioni di tonnellate rispetto al 2011, pari al 7,4%, per effetto principalmente dei maggiori volumi venduti a società petrolifere e trader all’estero.

Vendite di prodotti petroliferi in Italia e all’Estero (milioni di tonnellate) 2010 2011 2012 Var. ass. Var. %
Rete   8,63 8,36 7,83 (0,53) (6,3)
Extrarete   9,45 9,36 8,62 (0,74) (7,9)
Petrolchimica   1,72 1,71 1,26 (0,45) (26,3)
Altre vendite   7,21 6,58 6,08 (0,50) (7,6)
Vendite in Italia   27,01 26,01 23,79 (2,22) (8,5)
Rete Resto d'Europa   3,10 3,01 3,04 0,03 1,0
Extrarete Resto d'Europa   3,88 3,84 3,96 0,12 3,1
Extrarete Mercati extra europei   0,42 0,43 0,42 (0,01) (2,3)
Altre vendite   12,39 11,73 17,12 5,39 46,0
Vendite all'estero   19,79 19,01 24,54 5,53 29,1
VENDITE DI PRODOTTI PETROLIFERI IN ITALIA E ALL'ESTERO   46,80 45,02 48,33 3,31 7,4

Vendite Rete Italia

Nel 2012, le vendite sulla rete in Italia (7,83 milioni di tonnellate) sono in flessione rispetto al 2011 (circa 530 mila tonnellate, -6,3%) per effetto della contrazione dei consumi di gasolio e benzina, in particolare nel segmento autostradale penalizzato dalla riduzione congiunturale del trasporto merci. L’erogato medio riferito a benzina e gasolio (1.976 mila litri) ha registrato una diminuzione di circa 197 mila litri rispetto al 2011. La quota di mercato media del 2012 è del 31,2% in aumento di 0,7 punti percentuali rispetto al 2011 beneficiando dell’iniziativa estiva “riparti con eni”.

Al 31 dicembre 2012 la rete di distribuzione in Italia è costituita da 4.780 stazioni di servizio con un incremento di 79 unità rispetto al 31 dicembre 2011 (4.701 stazioni di servizio) per effetto del saldo positivo tra stipule/risoluzioni di contratti di convenzionamento (92 unità) e dell’apertura di nuove stazioni di servizio (10 unità), parzialmente compensati dalla chiusura di impianti a basso erogato (23 unità).

Nel 2012 le vendite nel segmento premium (carburanti della linea “eni blu+” caratterizzati da migliori prestazioni e da un ridotto impatto ambientale), hanno risentito della contrazione dei consumi nazionali più ampiamente rispetto ai prodotti standard registrando volumi in flessione rispetto all’anno precedente. In particolare le vendite di eni bludiesel+ sono state di circa 292 mila tonnellate (circa 350 milioni di litri) in diminuzione di 201 mila tonnellate rispetto allo scorso anno e hanno rappresentato il 6% dei volumi di gasolio commercializzati da Eni sulla rete. Al 31 dicembre 2012 le stazioni di servizio che hanno commercializzato eni bludiesel+ sono state 4.123 (4.130 a fine 2011) pari a circa l’ 86% del totale. Le vendite di eni blusuper+ sono state di circa 35 mila tonnellate (circa 47 milioni di litri), in diminuzione di 27 mila tonnellate rispetto al 2011; l’incidenza (pari all’1,5%) sui volumi di benzina commercializzati da Eni sulla rete si riduce dello 0,9%. Al 31 dicembre 2012 le stazioni di servizio che hanno commercializzato eni blusuper+ sono state 2.505 (2.703 a fine 2011), pari a circa il 52% del totale.

Nell’ambito delle iniziative volte a favorire i consumi in un contesto economico sfavorevole e a creare una sempre più solida customer relationship Eni ha avviato due rilevanti iniziative: (i) nell’estate 2012, per dodici weekend, è stata attuata nelle eni station l’iniziativa “riparti con eni” che ha offerto la possibilità ai clienti italiani disposti a fare rifornimento in modalità iperself, di acquistare benzina e gasolio ad un prezzo eccezionalmente ridotto e uguale in tutta Italia; (ii) la campagna per la diffusione di una nuova linea di “carte fedeltà”, aventi funzione di carta ricaricabile o di carta di credito, attraverso le quali i consumatori avranno la possibilità di accumulare un maggior numero di punti sia presso le stazioni di servizio a marchio Agip ed Eni che presso i circa 30 milioni di esercizi convenzionati.

Nel corso del 2012 Eni ha messo a punto innovativi bio-carburanti e nuovi pacchetti di additivi con detergenti proprietari che conferiscono a benzina e gasolio migliori prestazioni di detergenza “keep clean”. È stata inoltre implementata l’attività relativa ai carburanti speciali e da competizione (Aprilia racing, Ducati, Moto 2, Moto 3, Superbike).

Vendite per prodotto/canale (milioni di tonnellate) 2010 2011 2012 Var. ass. Var. %
Italia   18,08 17,72 16,45 (1,27) (7,2)
Vendite rete   8,63 8,36 7,83 (0,53) (6,3)
Benzina   2,76 2,60 2,41 (0,19) (7,3)
Gasolio   5,58 5,45 5,08 (0,37) (6,8)
GPL   0,26 0,29 0,31 0,02 6,9
Altri prodotti   0,03 0,02 0,03 0,01 50,0
Vendite extrarete   9,45 9,36 8,62 (0,74) (7,9)
Gasolio   4,36 4,18 4,07 (0,11) (2,6)
Oli combustibili   0,44 0,46 0,33 (0,13) (28,3)
GPL   0,33 0,31 0,30 (0,01) (3,2)
Benzina   0,16 0,19 0,20 0,01 5,3
Lubrificanti   0,10 0,10 0,09 (0,01) (10,0)
Bunker   1,35 1,26 1,19 (0,07) (5,6)
Jet fuel   1,46 1,65 1,56 (0,09) (5,5)
Altri prodotti   1,25 1,21 0,88 (0,33) (27,3)
Estero (rete + extrarete)   7,40 7,28 7,42 0,14 1,9
Benzina   1,85 1,79 1,81 0,02 1,1
Gasolio   3,95 3,82 3,96 0,14 3,7
Jet fuel   0,40 0,49 0,44 (0,05) (10,2)
Oli combustibili   0,25 0,23 0,19 (0,04) (17,4)
Lubrificanti   0,10 0,10 0,09 (0,01) (10,0)
GPL   0,49 0,50 0,52 0,02 4,0
Altri prodotti   0,36 0,35 0,41 0,06 17,1
  25,48 25,00 23,87 (1,13) (4,5)

Vendite rete Resto d’Europa

Le vendite rete nel Resto d’Europa pari a 3,04 milioni di tonnellate sono sostanzialmente stabili rispetto al 2011 (+1%; +10 mila tonnellate). Le maggiori vendite in Austria e Svizzera per effetto delle efficaci politiche commerciali intraprese sono state quasi interamente compensate dai minori volumi commercializzati nell’Est Europeo a causa della contrazione della domanda.

Al 31 dicembre 2012 la rete di distribuzione nel Resto d’Europa è costituita da 1.604 stazioni di servizio con un aumento di 18 unità rispetto al 31 dicembre 2011 (1.586 stazioni di servizio). L’evoluzione della rete ha visto: (i) la chiusura di 28 impianti a basso erogato, principalmente in Austria e Francia; (ii) il saldo positivo di 33 unità tra stipule/risoluzioni di contratti di convenzionamento, in particolare in Austria; (iii) l’acquisto di 11 impianti principalmente in Austria; (iv) l’apertura di 2 nuovi punti vendita.

L’erogato medio (2.319 mila litri) è in crescita di circa 20 mila litri rispetto al 2011 (2.299 mila litri).

Vendite sul mercato extrarete e altre vendite

Le vendite extrarete in Italia di 8,62 milioni di tonnellate hanno registrato una flessione di circa 740 mila tonnellate, pari al 7,9% per effetto principalmente del minori vendite di gasolio e oli combustibili per effetto del calo della domanda di trasporti e dell’industria a causa della congiuntura sfavorevole nonché di jet fuel per effetto della minore domanda degli operatori del settore. In controtendenza le vendite di bitumi che hanno beneficiato della disponibilità Eni di prodotto a seguito di alcune fermate di raffinerie da parte dei competitor, in particolare nell’ultima parte dell’anno.

La quota di mercato extrarete media nel 2012 è del 29,5% (28,6% nel 2011).

Le vendite al settore Petrolchimica (1,26 milioni di tonnellate) hanno registrato un sostanziale calo rispetto al 2011 (-450 mila tonnellate) per effetto delle minori forniture di feedstock in relazione alla contrazione della domanda industriale del settore.

Le vendite extrarete nel Resto d’Europa, pari a 3,96 milioni di tonnellate, sono cresciute del 3,1% rispetto al 2011, per effetto essenzialmente delle maggiori vendite in Svizzera, Repubblica Ceca, Slovenia e Francia. In calo le vendite in Ungheria, Austria e Germania.

Le altre vendite (23,20 milioni di tonnellate) sono aumentate di 4,89 milioni di tonnellate, pari al 27% per effetto delle maggiori vendite ad altre società petrolifere.

In corso di valutazione una tecnologia proprietaria per la produzione di bitume in lastre (RIGEBIT) ad alta concentrazione di polimero e cere da processo Fischer-Tropsch, adatto al trasporto a freddo e con significativa valenza ambientale dal punto di vista applicativo.

Per ciò che concerne la produzione di lubrificanti industriali per turbine ad alte prestazioni è stata avviata una collaborazione con GE atta ad ottenere nuove formulazioni di prodotti che consentano di ottenere una significativa riduzione di “power loss” sui cuscinetti delle turbomacchine. I primi esiti della sperimentazione appaiono eccellenti.

Nell’ambito del sistema di gestione della qualità, certificato ai sensi della Norma UNI EN ISO 9001 2008 l’unità di marketing e di linea wholesale hanno progettato e realizzato un piano di rilevazione di soddisfazione della clientela wholesale. Il progetto riguarda la misurazione della soddisfazione circa il livello del servizio, i prodotti acquistati e tutti gli elementi che rappresentano la relazione tra Eni ed il cliente ed è volto a identificare punti di forza e aree di miglioramento al fine di avviare possibili azioni correttive, migliorando il livello di soddisfazione del cliente.

Torna Su

Eni S.p.a. - Sede legale
Piazzale Enrico Mattei, 1
00144 Roma

Sedi secondarie
Via Emilia, 1
e Piazza Ezio Vanoni, 1
20097 - San Donato Milanese (MI)

Partita IVA
n. 00905811006

Capitale sociale
€ 4.005.358.876,00 i.v.

C. F. e Registro Imprese di Roma
n. 00484960588

Missione
Siamo un’impresa integrata nell’energia, impegnata a crescere nell’attivita di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale. Tutti gli uomini e le donne di eni hanno una passione per le sfide, il miglioramento continuo, l’eccellenza e attribuiscono un valore fondamentale alla persona, all’ambiente e all’integrità.